Storia

L’Hotel Tornabuoni Beacci, in via de’ Tornabuoni nel centro storico di Firenze, è ospitato all’interno di due esclusivi palazzi di epoca rinascimentale - Palazzo Strozzi del Poeta e Palazzo Minerbetti – ed è la location perfetta per chi vuole cogliere l’occasione di dormire in un palazzo storico a Firenze.

Palazzo Strozzi del Poeta è appartenuto al letterato fiorentino Giovan Battista Strozzi e venne costruito accorpando più stabili nel corso del XVI secolo. L’architetto Gherardo Silvani progettò la facciata, tipico esempio del barocco fiorentino, intorno al 1626, con elementi architettonici in pietra serena su intonaco chiaro secondo la tradizione fiorentina. Al pian terreno ci sono quattro portali timpanati e un grande portale centrale ad arco, con due colonne che reggono un balcone.

La cornice marcapiano è un fregio dorico, con triglifi, metope con trofei scolpiti e dentelli. Il piano nobile è ornato con due statue con le arme degli Strozzi e dei Ciappi ai lati, finestre con lesene, balaustre e timpani ad arco, balcone con balaustra in pietra. Le mezzelune araldiche degli Strozzi campeggiano al centro della facciata, tra nastri svolazzanti scolpiti a rilievo.

Palazzo Minerbetti, all'angolo tra via de’ Tornabuoni e via del Parione, ha una struttura originaria risalente a un periodo compreso tra la fine del Duecento e gli inizi del Trecento, fatto costruire dalla famiglia Bombeni e successivamente dai Minerbetti.

Nel 1761 l'architetto Pier Giovanni Fabbroni aggiunse un'alcova e una cappella privata con decorazione ad affresco di Giacinto Fabbroni, dove oggi si trova una delle più esclusive suite dell’hotel.

Il palazzo ha oggi uno stile prevalentemente tardo-medievale, con un rustico bugnato digradante su tutta la facciata, con otto finestre ad arco per piano.